Nuova antenna: adattamento carrello

Nuova antenna: adattamento carrello

Category : Comunicati

Scriviamo questo articolo per far capire ai non addetti ai lavori quello che vedono qui sopra e specialmente quanta fatica e passione è necessario metterci per installare un’antenna per le frequenze radioamatoriali sotto i 30Mhz.

Chi ha un minimo di conoscenza in materia sa, infatti, che le antenne di qualsiasi emittente sono di dimensioni direttamente proporzionali alla lunghezza d’onda. Più grande è la lunghezza d’onda e più grande è l’antenna.

A 30Mhz la lunghezza d’onda è più o meno 10m e più si scende con i Mhz e più è grande l’antenna fino a diventare enorme. A 14Mhz, dove si trova una delle bande radioamatoriali più conosciute, la lunghezza d’onda è di circa 20m. A 7Mhz si raddoppia ancora, a 3Mhz raddoppia ancora ecc.

Se poi pensate che più un’antenna è vicina alla dimensione della lunghezza d’onda e meglio funziona, capite come installare un’antenna anche solo per i 14Mhz sia un’impresa non proprio da antenna TV.

Per questo siamo orgogliosi di farvi vedere quanto sopra e cioè le fasi di installazione del traliccio che sosterrà le nostre antenne di Sezione.

Si tratta di una “cosa” che porterà le nostre antenne a un’altezza di circa 13 metri e forse anche più con un carrello che, per sicurezza, abbassa le antenne quando non vengono utilizzate. Ed è proprio questo che vi facciamo vedere nel post di oggi, assieme a una panoramica dell’esterno della nostra Sezione e alle persone che hanno studiato, messo in opera e che stanno fisicamente montando sul campo questa attrezzatura, indispensabile per avere antenne degne di questo nome.

Questo traliccio servirà sia per le nostre trasmissioni radioamatoriali, sia per le trasmissioni o la ripetizione di trasmissioni di Emergenza per la Protezione Civile, cosa che ci rende ancora più fieri e orgogliosi di quanto i nostri Associati stanno facendo.

Sempre un grande, infinito GRAZIE a questi nostri Associati e a tutti gli Associati che stanno rendendo possibile questa non facile realizzazione.

Non finiremo poi mai di ringraziare la Giunta il Comune di Cornedo Vicentino, l’ing. Crupi, l’ex-Sindaco Martino Montagna e dell’attuale Sindaco, Francesco Lanaro che si sono adoperati di persona affinché l’Associazione ARI Agno Chiampo potesse avere una sede adatta al suo ruolo di Associazione radioamatoriale e di Protezione Civile.


Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.